chi siamoproggetti e attivitąpubblicazionimappa

cerca
  progetti ed eventi / progenerale /abstract

                                 Polo formativo e tecnologico per il settore calzaturiero della Regione Marche

                 Azione di sistema - Analisi di strategie di apprendimento e sperimentazione di percorsi formativi

MIUR Marche

 

Il progetto è promosso nell’ambito del Protocollo d’intesa per i settori tessile e calzaturiero stipulato tra le parti sociali, il Ministero dell’Istruzione, il Ministero del Lavoro, le Regioni interessate e le parti sociali nazionali (ANCI,  Filtea CGIL, Femca CISL, Uilta UIL) in data 16 marzo 2005. Alla Regione Marche è stato attribuito l’obiettivo di realizzare l’analisi dei processi di apprendimento impliciti che si realizzano in imprese della regione negli ambiti creativo, produttivo e commerciale e di analizzare la domanda di qualificazione di alcune figure chiave del settore che concorrono a determinare l’eccellenza delle imprese. Il progetto si avvale della collaborazione della Regione, Assessorato alla Conoscenza, all’Istruzione, Formazione e Lavoro, dell’Ufficio Scolastico Regionale delle Marche, delle Università di Ancona, Camerino, Macerata e Urbino, delle rappresentanze imprenditoriali regionali (Confindustria Marche, ANCI Confindustria, Federmoda CNA ….) e delle rappresentanze regionali dei lavoratori (ANCI-Filtea CGIL, Femca CISL, Uilta UIL).Per la realizzazione del progetto è stata costituita un’associazione temporanea di imprese composta dal Consorzio Europaform di Roma e dalla Fondazione Elios di Ancona che si avvale della collaborazione della Scam Training S.r.l.. Il progetto si propone d’individuare le cosiddette “competenze tacite” che caratterizzano i lavoratori e i tecnici che si distinguono, negli ambiti indicati, per la qualità  delle loro prestazioni.  L’obiettivo è quello di comprendere e formalizzare le modalità con cui queste persone hanno sviluppato competenze di eccellenza nel contesto aziendale e di farne oggetto di una successiva sperimentazione formativa. La sperimentazione formativa ha per obiettivo la riproduzione, in capo ad altri lavoratori, di quei processi di apprendimento che concorrono a determinare l’eccellenza delle prestazioni dei lavoratori. In questo modo il sistema dell’offerta formativa regionale potrà avvalersi dei risultati di questo progetto e contribuire così a migliorare la preparazione dei lavoratori e dei tecnici del settore. I benefici che la realizzazione di questo progetto potrà portare alle imprese e ai lavoratori della sono evidenti: si potrà disporre di un’offerta formativa qualificata in grado di sostenere le imprese nella competizione internazionale e i lavoratori nell’adattamento delle loro capacità alle nuove professionalità che i processi d’innovazione richiedono. Le attività in corso di realizzazione sono così riassumibili:

  • analisi, in una pluralità di contesti produttivi di eccellenza, delle competenze tacite e delle strategie di apprendimento che caratterizzano i comportamenti produttivi dei lavoratori e dei tecnici;
  • formalizzazione delle competenze tacite rilevate secondo standard di descrizione condivisi;
  • sperimentazione, nei contesti aziendali e nell’ambito delle strutture dell’istruzione e della formazione professionale, delle strategie d’apprendimento per le competenze tacite rilevate, coinvolgendo nell’azione lavoratori esperti e, laddove possibile, anche giovani impegnati nei percorsi d’ istruzione e formazione;

elaborazione della domanda di qualificazione delle imprese del settore in una prospettiva anticipatoria e previsiva per alcune figure o unità di competenza che emergono dall’analisi dei contesti aziendali come figure chiave per il conseguimento di prestazioni di eccellenza.

 

powered by Officine Multimediali®